Contesto

Contesto

“Nel 2011, quasi sei milioni di giovani tra i 18 ei 24 anni non aveva terminato gli studi di secondaria superiore e non si trovavano all’interno di un percorso d’istruzione e formazione. In media, il 54,8% di questi ragazzi che abbandonano la scuola sono disoccupati” (CE: Europa 2020 Obiettivo: dispersione scolastica).

In tutti i paesi il problema della dispersione dalla IFP iniziale è più che evidente e impegnativo, ma le situazioni sono ovviamente diverse anche a fronte delle caratteristiche del mercato del lavoro per i giovani e l‘offerta di forza lavoro giovane a causa dei bassi tassi di natalità e sviluppo demografico. In questo contesto la riuscita del trasferimento da un punto di vista geografico in questo campo è una questione complessa; questo è il motivo principale per cui due ottimi risultati progettuali sono stati selezionati come base per il trasferimento – uno dal settore scolastico (progetto School inclusion) e uno dal il settore imprenditoriale commerciale (progetto CESSIT); riteniamo infatti che un trasferimento di successo per diversi e divergenti sistemi di IFP, con il coinvolgimento d’insegnanti e formatori, può essere possibile solo se verrà selezionata e attuata una combinazione appropriata di moduli di formazione da entrambe le aree di riferimento dei sistemi di istruzione e formazione professionale.

Questo è il motivo per cui all’inizio del processo di trasferimento saranno individuati per ciascun paese partner quali saranno gli obiettivi principali, le competenze e i moduli necessari per insegnanti e formatori coinvolti nei sistemi (sia che si tratti più di un IFP orientate verso il modello scolastico in un paese o un IFP più orientato verso un obiettivo imprenditoriale in un altro). Sulla base di questa analisi, i moduli di formazione esistenti da entrambi i progetti di formazione (progetto School inclusion e progetto CESSIT) saranno adattati e combinati per realizzare moduli di formazione per insegnanti e formatori.

Oltre ad una combinazione di moduli e contenuti appropriati e pertinenti, il processo di trasferimento prevede la traduzione nelle lingue dei partner e l’adattamento dei materiali per la formazione ai diversi contesti culturali. Questo approccio garantirà la riuscita del trasferimento geografico in sistemi che sono diversi tra loro e con specifiche caratteristiche determinate dal contesto nazionale. Questo processo garantirà ad insegnanti e e formatori IFP l’acquisizione delle competenze necessarie ad affrontare e prevenire l’abbandono scolastico in Europa.